Alleantia - NewsRoom

AI e Cognitive Computing, le differenze

Jul 28, 2021 11:23:21 AM / by Alleantia Guru

edge-computing

Intelligenza Artificiale e Cognitive Computing sono spesso usati come termini intercambiabili, e per quanto in entrambi i casi ci si riferisca a macchine con capacità simili a quelle dell’uomo, vi sono delle grandi e importanti differenze.

AI, alcune note di base

Di AI si parla abbondantemente, e ugualmente abbondanti sono le definizioni con cui si vuole descrivere questa disciplina. In termini sintetici, si potrebbe dire che con l’AI si cerca di far sì che i computer riescano a fare cose che la mente umana può fare. Alcune di queste, come forme più o meno sofisticate di ragionamento, sono normalmente considerate come appartenenti al campo dell’intelligenza, mentre altre, per esempio la visione artificiale, non lo sono in senso stretto. In ogni caso vi è il coinvolgimento di skill psicologiche, quali percezione, associazione, predizione, pianificazione, controllo del movimento, che permettono a esseri umani e animali di raggiungere i propri obiettivi, qualsiasi essi siano.

Un approccio al Cognitive Computing

Tra le molte possibili definizioni di Cognitive Computing, una è particolarmente emblematica, non foss’altro per la sua genericità che poco apporta come contenuto informativo: utilizzo di modelli computerizzati per simulare i processi mentali dell’uomo in situazioni complesse in cui le risposte possono essere ambigue o incerte. Si aggiunge anche che questa disciplina si sovrappone al’Intelligenza Artificiale e implica l’impiego di molte delle sue tecnologie di base, con citazione, a nostro avviso non corretta e comunque fuorviante, di sistemi esperti, reti neurali, robotica e realtà virtuale. Definire con precisione cosa si intende per Cognitive Computing non è in effetti facile, anche se in molti testi si parla di branch dell’Intelligenza Artificiale sviluppata per ottenere processi cognitivi assimilabili a quelli degli umani, per supportarne le attività di lavoro e le decisioni.

Le differenze

Sintetizzati i principi base su cui si fondano le due discipline, quali le differenze? La più importante è probabilmente lo scopo base: automazione dei processi per l’Intelligenza Artificiale, aumento delle capacità umane per il Cognitive Computing, e del resto il termine “cognitive computing” è tipicamente usato per descrivere sistemi AI finalizzati a simulare il pensiero umano. Con diversa chiave di lettura si può affermare che questi sistemi sono utilizzati per assistere l’uomo nel suo processo decisionale, il che significa assenza di responsabilità decisionale o, se si preferisce, il Cognitive Computing non prende decisioni fornendo piuttosto informazioni supplementari che consentano all’uomo di assumere le decisioni più opportune, a differenza dell’Intelligenza Artificiale che invece prende decisioni per proprio conto, minimizzando al massimo il ruolo dell’uomo.

In conclusione

Si potrebbe anche dire che il Cognitive Computing “tenta” di replicare il modo con cui un umano risolverebbe un problema, differentemente dall’Intelligenza Artificiale che, sempre per risolvere un problema, persegue l’individuazione di nuove strade che possono potenzialmente essere migliori di quelle che un uomo avrebbe scelto, e questo senza imitazione alcuna del ragionamento umano, ma affidandosi al miglior algoritmo possibile.

 

Tags: AI, Artificial Intelligence, cognitive computing, computing

Alleantia Guru

Written by Alleantia Guru

Subscribe to Email Updates

Lists by Topic

see all

Posts by Topic

See all

Recent Posts